Inizio pagina Salta ai contenuti

Cazzano di Tramigna

Provincia di Verona - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Settembre  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
             

Curiosità

Val Tramigna, storie di ieri e di oggi

Il Comune di Cazzano di Tramigna ha una superficie di 12,25 Kmq. A nord confina con i Comuni
di Tregnago e San Giovanni Ilarione, ad est con Montecchia di Crosara, a sud con Soave e
Colognola ai Colli, ad ovest con Illasi. La massima estensione territoriale in lunghezza, dalle Tre
Punte di Prealta (a nord di Campiano) al confine collocato oltre l’abitato di Costeggiola, a sud, è di
circa 9 Km in linea d’aria. La massima estensione in larghezza, dalla cima del Monte Bastia (488
m), ad est, al valico di San Felice (213 m), ad ovest, è di circa 3,5 Km.

Da Costeggiola a Cazzano

Percorrendo la Val Tramigna da sud, oltrepassato il paese di Soave con il suo castello e la cinta
muraria, si giunge alla frazione di Costeggiola. Il confine tra il comune soavese e quello cazzanese
divide l’abitato in due parti: sulla destra della strada provinciale 37/a “dei ciliegi” è presente il
territorio appartenente a Soave, con la chiesa parrocchiale dedicata a S. Antonio Abate ed alcune
contrade come Tamellini e Pressi; sulla sinistra il territorio del Comune di Cazzano, il quale
comprende la recente lottizzazione di via Montale e via Ungaretti, una striscia di case (alcune delle
quali risalgono ai primi del ‘900) ed una zona industriale artigianale che termina in località Do.
Oltrepassata la zona appena citata, il confine comunale segue l’andamento del fiume Tramigna. Al
margine del suo corso s’incontrano via Fienil Nuovo, detta anche i Norderi, e la località Maglio.
La contrada Maglio, come Costeggiola, è divisa tra due comuni: sulla sponda sinistra del Tramigna
troviamo il territorio di Illasi, mentre sulla destra abbiamo la parte cazzanese, sulla quale sorge lo
stabile del vecchio maglio (da qui il nome della contrada), il quale fu utilizzato come segheria e
fucina per la realizzazione di attrezzi usati in agricoltura: roncole (“rengaie”), forche, badili, vanghe
e “feri da segare”. La produzione continuò fino agli anni ’50 del XX secolo. Continuando a
percorrere la strada del Maglio verso est, superato il torrente della val Faella, si termina fra le
abitazioni della contrada Toresela.
Proseguendo verso nord, sulla Provinciale 37/a, si giunge alla ZAI (Zona Artigianale Industriale).
Costituita negli anni ’90, ha presente in essa il capannone e il piazzale del mercato
cerasicolo (dove ora si trova la nuova pesa pubblica), il distributore dei carburante, lo stabilimento Valtramigna della Cantina
Sociale di Soave, l’ecocentro comunale e gli stabili di altre attività artigianali e industriali,
mentre, al di là della strada, rimane in territorio di Illasi, il molino Schiavi.
All’altezza del frantoio Ballarini, al bivio detto della “Curva quadrata”, si dirama, sulla destra, la
strada comunale di via Pilastro, la quale conduce al cimitero ed al campo sportivo comunale
“Emilio Steccanella”. Di fronte all’ingresso di quest’ultimo s’incontrano due strade: quella che
conduce a sud permette di raggiungere le località Calderoi, Canova, Preara, Sponde e Crearolo; se
invece si prosegue verso nord-est, risalendo così la val Faella, si potranno incontrare la Chiavica e le contrade di
Pissolo di Sotto, Pissolo di Sopra e Fontanafora.
Ritornando sulla strada provinciale e proseguendo verso il paese di Cazzano, si percorre via Molini,
così chiamata perché in passato molte attività s’insediarono lungo il corso del Tramigna per
sfruttare la forza motrice dell’acqua. Alcune di queste sono ancora oggi in piena attività come il
molino Schiavi, il frantoio Ballarini, il molino-oleificio Marchi ed il frantoio Contri; altre sono da
anni dismesse; molin de Piccoli  a Costeggiola, il già citato Maglio, il pastificio Bertolaso, el
molin de Checheto e il molin del Solfaro.
All’altezza della cosiddetta “casa del Solfaro” termina via Molini ed inizia via Scudellari, forse la
più caratteristica via di Cazzano, la quale si distende attraverso una strettoia delimitata ad est dalla
curiosa  Coalonga , una fila di case affiancate per 120 metri dal profilo ondulato, mentre ad ovest
troviamo il molino Marchi.

Il centro di Cazzano

Superata via Scudellari, si entra nel centro di Cazzano, piazza Giacomo Matteotti. In questo slargo
della strada provinciale si concentrano gran parte delle attività commerciali del Comune, la scuola
materna e quella primaria, la sede municipale e la palestra comunale.
Sul lato sinistro, verso ovest, all’ombra del monte dominato dalla presenza massiccia del castello
d’Illasi, troviamo la risorgiva ribattezzata “ Lago della Mora” (in onore della varietà di ciliegia
originaria di Cazzano), ma conosciuta da tutti i cazzanesi come “ la Fontana”. In questo punto della
valle affiorano le acque che danno origine al fiume Tramigna. La risorgiva misura circa 120 m di
lunghezza (dal frantoio Contri a via Fienil Fontana) e 20 m in larghezza. Su un’isoletta composta da
rocce è stata posizionata una statua, recentemente restaurata, di San Giovanni Nepomuceno, santo
boemo morto affogato nella Moldava, a Praga, per non aver voluto violare il segreto confessionale
(per tale motivo è patrono di tutti i confessori e delle persone in pericolo d’annegamento). Il
“muretto della Fontana” presente in piazza è interrotto da un’apertura: da qui, attraverso una
scalinata in pietra " le scalette", si arriva a pochi centimetri dal pelo dell’acqua. Il muro di contenimento ad ovest
(quello di fronte alla piazza, per intenderci) divide il “Lago della Mora” da un bacino più piccolo,
ad esso comunicante, denominato "Peschiera". Qui si abbeveravano le mucche di ritorno dal pascolo,
prima di venire condotte nelle vicine stalle di via Fienil Fontana. Dalla "Peschiera" parte il
 cosidetto " Fosso delle Rive"; di natura artificiale costruito attorno all'anno 1600 dai conti Peres Pompei di Illasi, ed usato per l'irrigazione, per via sotterranea
passa sotto il torrente Tramignola, costeggia tutto il monte del castello d’ Illasi (nel comune
omonimo), passa ad una quota altimetrica più bassa rispetto a quella della contrada di San
Colombano e si ributta nel Tramigna dopo aver oltrepassato la località Cereolo, in dialetto
“Seriolo”, fra il territorio illasiano e quello di Colognola.
Tornando a Piazza Matteotti, va fatta notare la presenza della villa Steccanella, donata dalla
famiglia Turco Steccanella agli Stimmatini. Dedicata a Bianca Steccanella, oggi è sede di una casa
di riposo per anziani della fondazione O.A.S.I. di S. Bonifacio.
Di fronte al municipio sorge invece la chiesa parrocchiale, dedicata al martire San Giorgio e
consacrata nel 1906, con l’annesso oratorio, costruzione ottocentesca. Dalla scuola primaria
all’asilo corre una doppia fila di tigli, luogo di ritrovo di generazioni di giovani del paese. Quasi
tutti, bene o male, si son dati appuntamento “ sotto le piante” (questa l’espressione utilizzata dai
cazzanesi).

Il Malesan e Borgo Castello

Piazza Matteotti è delimitata a nord da via Crociera, conosciuta dalla maggioranza degli abitanti di
Cazzano come “ la Crosara”. Fino agli anni ’70, l’ufficio postale del paese operò in
questa via (ancora oggi è visibile, murata, la storica cassetta postale in marmo). Da qui partono le
strade per il Malesan e Borgocastello, due delle quattro borgate più vetuste del paese assieme alla
“Piassa” ed alla “Ila”.
Girando a destra, inizia una ripida salita. Percorsi appena dieci metri, svoltando ancora a destra, si
dirama via Marchesini, dedicata al sacerdote che per ben cinquantotto anni è stato parroco di
Cazzano. Continuando per la salita si arriva al Malesan. Il borgo sembrerebbe prendere il nome dai
residenti che, nei secoli scorsi, hanno abitato in questa località (Malesani, ancora oggi, è uno dei
cognomi più diffusi a Cazzano insieme a Piubelli, Zenari, Perfetto, Bonomo, Viviani e Fiorio). È ancora
presente un pozzo; da qui, in direzione sud, si può percorrere la piccola circonvallazione della piazza di Cazzano.
Ultimata all’inizio del 2000 e dedicata al filosofo Siro Contri, è costeggiata dalle case della nuova
lottizzazione e presenta una pista ciclo-pedonale.
Tornando al pozzo del Malesan, si può proseguire per la strada che passa in mezzo alle case, la
quale si divide in due all’altezza di un capitello dedicato alla Madonna. Se si svolta a destra,
percorsa la ripida salita della “Carabianca”, la quale s’inerpica sul monte Sarsenigo (dal latino
Cercenicus, toponimo che attesta la presenza romana nella zona), si può raggiungere la località
Tovi, conosciuta anche come la “casa del Galo”. Se invece si decide, al capitello, di non cambiare
direzione, dopo aver costeggiato per un breve tratto il torrente Vaiolo, si raggiunge la località
Cambran.
Dopo aver descritto la via che conduce al Malesan, passiamo a parlare di quella che, svoltando a
sinistra, prima d’immettersi in via Crociera e di lasciare piazza Matteotti, conduce ad ovest verso il
Borgo Castello, nei discorsi dei cazzanesi definito come la “ Banda de là”, nome probabilmente
assegnato a causa della sua posizione al di là del torrente Tromignola (gli unici agglomerati urbani
ad ovest del Tromignola sono Borgo Castello e le contrade Steccanei e Bennati).
Il torrente Tromignola nasce molto più a nord del territorio comunale di Cazzano. La Val Tramigna
ha infatti origine nel territorio comunale di Tregnago, alle pendici del monte Belloca, sotto la contrada
Rancani, precisamente in località Simonetti, nel punto di incontro dei crinali che delimitano la Val d’Alpone ad est e la Val d’Illasi ad
ovest. Dopo aver percorso tutta la valle, si butta nel Tramigna dopo aver oltrepassato la zona della
località Cereolo, nel territorio del Comune di Colognola ai Colli.
La “Banda de là” si suddivide in tre zone: il Castel povero, la Busa ed il Borgo Castello vero e
proprio. Da quest’ultimo si snoda la vecchia strada comunale, denominata “Costa vecia”, un tempo
principale via di collegamento con Illasi.

La “Ila”

Ritornando alla Crosara, proseguiamo verso nord. Qui inizia la via principale del paese, quella più
popolata: la Villa, conosciuta anche come  "Ila". Il suo nome è molto utilizzato nei modi di dire dei
cazzanesi; per esempio ne citiamo tre: “nemo su par la Ila” (andiamo su per la Villa), “el sta insima
alla Ila” (abita nella parte alta della Villa) e “ghe tocà fare tuta la Ila de corsa” (ha dovuto fare tutta
la Villa di corsa). Mitiche furono le sfide di calcio, negli anni ’70-’80, fra la rappresentativa della
“Ila” contro quella della “Piassa”, nonché quelle a tiro alla fune negli anni ’90 durante la sagretta di
San Giorgio.
La “Ila” si divide, per denominazione, in due vie distinte: via Legnaghi Corradini e via Don
Minzoni. La prima, dedicata a famiglie benefattrici di Cazzano, inizia alla “Crosara” e termina
all’altezza della Cantina Bennati. Sul suo lato destro si dipartono tre vie minori: vicolo Gorghello,
detto anche “cantarane” in quanto zona di ristagno dell’acqua dopo le esondazioni del torrente
Tromignola (prima che venissero costruiti gli argini di contenimento dell’alveo intorno al 1930),
vicolo Corbiolo e via Sottoriva. Sul lato sinistro s’incontrano via Maria Steccanella, dedicata alla
professoressa e poetessa cazzanese, e via degli Alpini (con annessa via Onilda Spiazzi, uccisa nel
1944 dai repubblichini per non aver rivelato dove si fosse nascosto il figlio disertore). Sempre sulla
sinistra si trova la Corte Pitora, fino agli anni ’60 del ‘900 sede della balera del paese. In Via
Legnaghi Corradini si trovano anche altre abitazioni e corti distinte dagli abitanti con i nomi
caratteristici tramandati di generazione in generazione: villa e brolo Bonioli (abitazione di proprietà
della famiglia di affermati avvocati Mezzari e Bonioli), la “ casa delle None” (vi abitavano tre
sorelle, il cui padre farmacista si chiamava Annone, la corte de “ Sotto i porteghi” (nome che
segnala la presenza di un porticato), la  Colombara (alta e stretta costruzione che si erge sopra
l’attuale entrata degli uffici della sede della Cantina Contri Spumanti).
All’altezza di Corte Bonioli, complesso residenziale sorto recentemente sull'area delle ex cantine
Bonioli, inizia via Don Minzoni, dedicata al parroco di Argenta morto per mano di squadristi
fascisti, la quale finisce al ponte della strada provinciale 37/a, ai Bennati, cento metri prima
dell’inizio della salita della Costa nuova per Illasi e adiacente alla strada comunale che da lì parte
verso Campiano. Dopo Corte Bonioli, in una piccola via laterale sulla destra, si trova Villa Tretti,
mentre sulla sinistra si costeggia il muro di confine con il brolo Castelli, il quale prosegue fino al
portone d’accesso della corte omonima, detta anche corte dei Viola.
Dopo il pozzo presente sulla sinistra, la strada inizia a salire. Sul lato destro troviamo l’inizio di via
Riva, strada che conduce alla chiesetta romanica di San Pietro (XII-XIII sec.), in località Brian, la
quale è attestata nel XII secolo come Brilano (con presenza di appezzamenti di terra posseduti dal
Capitolo della Cattedrale di Verona e dal monastero di S. Maria della Vangadizza). Proseguendo
oltre si giunge alla località Monti, la quale unisce tre agglomerati di abitazioni ben divisi tra di loro:
Dino, Marsiglio (dove si trova il capitello della B.V. Maria di Fatima e le vecchie scuole, ora sala
comunale “Stanislao Bertolaso), e Soraigo. Sulla strada di campagna che unisce i Monti con
Campiano si trovano anche le località Maronaro,Loppio e Grume; prima di Soraigo, invece, sotto il
monte Bastia (488 m), la strada principale scende verso Montecchia di Crosara, attraversando la
contrada monscledense dei Tolotti.
Ritornando in via Don Minzoni, al temine della salitella e delle abitazioni, si può svoltare, uscendo
dalla provinciale, a sinistra e, dopo aver superato il ponte sulla Tramignola, raggiungere la contrada
Steccanei, nella cui corte principale si trova un bellissimo e curato pozzo, inoltre sulla facciata di una delle abitazioni si può osservare un'orologio solare a tema tipicamente agreste. Da questa contrada
partiva un sentiero pedonale che arrivava a San Felice chiamato “Scaissasenoci” (in italiano spezza
ginocchia). Solo dal nome si può intuire quanto fosse ripido ed impegnativo, seppur estremamente
breve e veloce.

Le contrade a nord di Cazzano

Se si prosegue sulla strada provinciale 37/a, si può passare sul ponte detto “dei Bennati” e
raggiungere l’omonima contrada. Le costruzioni sono tutte a ridosso della stretta via che le
costeggia, intervallate da piccole corti divise da angusti passaggi e saliscendi. Uno di questi è detto
il “ buso dei Benati”.
Dai Bennati inizia la strada della “Costa vecia dei Urbani”, il cui nome deriva dai proprietari
dell’abitazione che s’incontra a circa metà della salita. Alcuni abitanti ricordano che un tempo
questa strada veniva chiamata “Costa del Bigoleto”, in quanto era il soprannome della famiglia che
abitava la stessa abitazione prima della vendita agli Urbani. Sulla curva prima della casa,
all’incrocio con la strada “Seresina”, sorge il più grande capitello presente nel territorio cazzanese.
Al termine della strada che attraversa la contrada Bennati, si può oltrepassare la Tramignola grazie
ad un ponte e prendere la strada comunale per Campiano.

La prima contrada che s’incontra è quella
dei Caliari. Nel ‘700, per volontà del canonico Giuliari, è stata costruita una chiesetta in onore della
Madonna.
Poco sopra la località Caliari, sul pendio del monte, si vedono le case della località Gazzi,
conosciuta dai cazzanesi come “ i Gadi”, mentre, poco più a sud, si trovano le strade di campagna
che portano alla località Mole ed alle zone della " val de la Bra”, dei Dui e delle Rugolane.
Proseguendo verso Campiano troviamo l’inizio della strada “ Seresina”, usata dagli abitanti della
frazione e delle contrade della zona come scorciatoia che collegava alla Costa degli Urbani,
permettendo così di raggiungere Illasi in minor tempo attraversando il valico di San Felice, dove si
trova il Santuario del Crocifisso, risalente al IX-X secolo.
La prossima contrada che s’incontra per la strada è quella dei Castagni. Nei dintorni si trova un
luogo conosciuto dai cazzanesi come la “ Fontanella dei Castagni”, oggi chiamata anche il “ Coppo”
(in italiano tegola; denominata così perché il “coppo” è l’ultima parte del percorso compiuto
dall’acqua che sgorga dal monte prima di tuffarsi nella vasca sottostante), una sorgente d’acqua che,
a memoria d’uomo, non si è mai prosciugata nemmeno nei periodi di siccità più persistenti.
Svoltando a destra del capitello sulla strada, dopo una salita tosta, si raggiunge la località Iselle,
conosciuta anche come “ i Volpi”. Se dopo le case si prosegue per la strada di campagna, si può
raggiungere la piana di Loppio sotto le  antenne così, popolarmente, sono stati rinominati i due
ripetitori televisivi del monte Mirabello (562 m).
Ritorniamo al capitello sulla strada per Campiano. Proseguiamo fino ad arrivare alle curve dei
“Sengi”, in fondo alla val de Paron. Da qui si dirama, sulla sinistra, la strada che porta alla contrada
Cadalora, nel comune di Illasi, dove si possono ancora vedere le tracce del condotto-acquedotto
Peres-Pompei. Andando oltre la Cadalora ci si può recare ad Arano di Cellore o San Felice.
Superata la doppia curva " dei Sengi", si giunge alla contrada Panizzolo, per i cazzanesi “ i Panisoi”, mentre, 500
metri dopo, ci si imbatte nella contrada Figarolo, meglio conosciuta come “ i Figaroi”. Già nel 1160
è attestata una località a nord dei Castagni denominata Figaro. Il toponimo potrebbe derivare dalla
pianta del fico (origine romana).
Dopo la contrada Figarolo la strada diventa pianeggiante per circa 300 metri fino al passaggio della val de Caian  ai
margini del bosco della Gadà, quindi ricomincia costantemente a salire per 3 Km circa fino a
Campiano.
La prima strada che incontriamo sulla sinistra porta alla località Cengelle, le “ Sengelle”, nucleo di
case arroccate sopra una cengia (in dialetto sengio; da qui deriva il nome della contrada) di rocce
vulcaniche a picco sulla val de Caian (a sud) e sulla Tromignola (ad ovest).
Una lunga curva a destra, nella quale è presente un capitello dedicato alla Madonna, anticipa la
contrada Roito, conosciuta anche come “ i Taioi”. In un campo detto “Crosare”, nei pressi di Roito,
durante l’aratura, i proprietari ritrovarono, nel 1926, un sepolcro d’epoca romana. La tomba
conteneva tre scheletri che furono portati nell’ossario del cimitero di Campiano, mentre le
suppellettili funerarie furono consegnate al museo archeologico di Verona. La pietra che chiudeva il
sepolcro, detta dagli abitanti di Campiano “la piera dei morti”, fu impiantata sul ciglio della strada
dove rimase fino a qualche decennio fa, quando anch’essa venne portata al museo archeologico.
L’epigrafe è databile al I o II secolo d.C. e riguarda probabilmente una famiglia di liberti, cioè
schiavi romani diventati liberi. Il ritrovamento nel campo “Crosare” è testimonianza della presenza
romana nella zona.
Da Roito si dirama, sulla sinistra, la piccola strada di campagna pianeggiante che conduce alla
contrada Zandonà, conosciuta anche con il nome de “ i Barcaroi”.

Campiano

Percorso l’ultimo tratto di strada con tornanti, si raggiungere la frazione di Campiano (427 m).
Prima di entrare in paese, sulla destra s’incontrano la strada che conduce al piccolo cimitero e
l’edificio delle vecchie scuole elementari (ora adibito a sala civica).
Entrati nell’abitato, svoltando nella prima via a sinistra, si raggiunge la chiesa ottocentesca dedicata
a San Bernardo, Abate di Chiaravalle e Dottore della Chiesa. Dal piazzale, circondato dai cipressi,
si gode, nelle giornate più serene, un panorama mozzafiato che spazia fino agli Appennini.
Nella frazione si possono vedere vari capitelli, segno della fede popolare, ed una casa padronale
molto particolare, con una torre colombaia esagonale chiamata dagli abitanti “ el Palazzo”.
Da Campiano si snodano numerose strade di collegamento alle contrade vicine. La prima è la
vecchia strada per i Finetti, frazione del comune di Tregnago; sul suo percorso s’incontrano le
contrade Origano, Antane e Catazzi (solo la prima è nel comune cazzanese, le altre in quello di
Tregnago). Poi abbiamo la nuova strada asfaltata, soprannominata strada Aureliana in onore del suo
ideatore ed esecutore, la quale collega Campiano ai Finetti ed a Cattignano (Comune di San
Giovanni Ilarione); sul suo percorso troviamo le località Murareto e Pian de Cologna,
quest’ultima al confine con il comune di Tregnago. Infine s’incontrano le direttrici che portano alle
Tre Punte di Prealta (688 m), il punto più a nord del territorio comunale di Cazzano, mentre una
strada più pianeggiante che si dirige verso est conduce alla contrada Caltrano, dalla quale si possono
poi raggiungere le zone di Grume, Loppio ed i Monti.

Descrizioni ed informazioni a cura di Luca Fiorio.

Comune di Cazzano di Tramigna (VR) - Piazza Giacomo Matteotti, 1
C.F. e P.Iva: 00659190235
Email: segreteria@comune.cazzanoditramigna.vr.it - PEC: comune.cazzanoditramigna.vr@pecveneto.it